di Bruno Tavosanis - mercoledì 8 agosto 2018 [Coppa Carnia]

foto di Alberto Cella


OVARESE – CAVAZZO  2-2 (7-6 dcr)


GOL
: 2’st Dionisio, 12′ Ortobelli, 43′ Gonano, 48′ Josef Gloder.
OVARESE: Bortoluz, Primus, Not (10’st Cencig), Gortan, Borta, Nodale (37’st Diego Fruch), Antonio Gloder, De Antoni, Josef Gloder, Flavio Fruch, Felice (4’st Gonano). In panchina: Agostinis, Triscoli, Rovis, Matiz. All. Sandro Beorchia,
CAVAZZO: Chiandetti, Mainardis (34’pt Maisano), Marco De Barba, Cappellaro (17’pt Tolazzi), Ortobelli, Lestuzzi (40’st Orlando), Burba (45’st Sgobino), Cescutti, Dionisio (34’st Sferragatta), Andrea De Barba, Nait. In panchina: Baron, Mazzolini. All. Mario Chiementin.
ARBITRO: Esposito di Tolmezzo (Canci-Mamouni).
NOTE: ammoniti Nodale, Cencig e De Antoni (O), Ortobelli (C). Spettatori un migliaio.

L’Ovarese vince la Coppa Carnia battendo ai rigori il Cavazzo 7-6; decisivo l’errore di Sgobino. Rete finale di De Antoni.
La sequenza dei rigori.

SECONDO TEMPO

50′ Finisce 2-2 con l’incredibile rimonta dell’Ovarese. Si va ai rigori.

48′ GOL DELL’OVARESE. Pareggio incredibile in pieno recupero con un colpo di testa di Josef Gloder.

47′ Ammoniti Ortobelli per intervento falloso e Cencig per proteste.

45′ Cinque minuti di recupero.

45′ Quinto e ultimo cambio per il Cavazzo: entra Sgobino per Burba.

43′ GOL DELL’OVARESE. Gonano accorcia le distanze con un tiro rasoterra in scivolata. Palla toccata con la punta e rete dell’1-2.

42′ Conclusione a colpo sicuro di Gonano e bella risposta di Chiandetti.

40′ Sostituzione nel Cavazzo: Orlando entra al posto di Lestuzzi.

37′ Il Cavazzo continua a rischiare pochissimo.

37′ Nell’Ovarese esce Nodale ed entra Diego Fruch.

34′ Cambio nel Cavazzo. Esce Dionisio e entra Sferragatta.

25′ Ci prova Gortan, palla sul fondo.

23′ L’Ovarese non sembra in grado al momento di reagire all’uno-due viola.

22’Cross in area di Andrea De Barba, stacca Dionisio e pallone che finisce alto non di molto.

19′ Destro dai 25 metri di Burba, palla a lato.

13′ Nella foto di Alberto Cella il momento dell’infortunio di Mainardis, colpito involontariamente al volto da Josef Gloder.

12′ GOL DEL CAVAZZO. Diagonale di Ortobelli che si infila nell’angolino alla destra di Bortoluz.

10′ Secondo cambio nell’Ovarese: entra Cencig al posto di Not.

4′ Primo cambio nell’Ovarese, con Gonano che rileva Felice.

2′ GOL DEL CAVAZZO. Tiro di Dionisio che beffa Bortoluz.

1′ Ammonito De Antoni dell’Ovarese.

PRIMO TEMPO

47′ Finale primo tempo, 0-0.

45′ Due minuti di recupero.

45′ Sembra purtroppo confermata la rottura del setto nasale per Mainardis.

44′ Assist di Dionisio per Nait, girata alta.

43′ Primo ammonito dell’incontro, è l’ovarese Nodale.

40′ Burba ci prova di testa sul cross di Ortobelli, palla alta.

35′ Grande chance per Cescutti, che entra in area e sull’uscita di Bortoluz colpisce il palo esterno alla sinistra del portiere.

34′ SOSTITUZIONE. Secondo cambio forzato per il Cavazzo, con Mainardis costretto ad uscire a causa di un forte colpo al naso. Entra Maisano.

32′ Burba giù in area ovarese, qualche protesta ma lo stesso attaccante viola si rialza senza protestare.

29′ Bortoluz esce con i piedi fino al limite dell’area per anticipare Nait, guadagnando anche il fallo laterale.

28′ Flavio Fruch prova la conclusione dalla distanza, palla sul fondo.

23′ Punizione di Ortobelli a lato.

21′ Prima vera occasione da gol dell’incontro, con il destro di Cescutti respinto da Bortoluz.


17′ SOSTITUZIONE. Cappellaro non ce la fa. Al suo posto entra Tolazzi.

14′ Azione personale di Burba conclusa con un tiro a lato.

13′ Cavazzo sempre in 10 in attesa del rientro in campo di Cappellaro.

9′ Cappellaro a bordo campo sanguinante all’arcata sopraccigliare dopo un contrasto con De Antoni.

8′ Ci prova Cescutti, conclusione alta di molto sopra la traversa.

3′ Bell’assist di Nodale per Flavio Fruch, ma il numero dieci ovarese non riesce ad agganciare il pallone.

PREPARTITA

Si parte!

Anche nella finale di Coppa Carnia l’importanza del dono del sangue.

Pochi minuti al via!

Ricordiamo al termine della finale l’appuntamento con il Partita Party di Radio Studio Nord, con musica e animazione in diretta radio con Pietro Berti e Cris DJ,

Il comunale di Cavazzo si sta riempendo.

Prima della partita ci sarà un omaggio al poeta e drammaturgo Siro Angeli, originario di Cesclans, mentre i giocatori entreranno in campo accompagnati dai Pulcini delle rispettive società.

Il testimonial della finale è il campione del deltaplano Suan Selenati; sotto la videointervista registrata nei giorni scorsi.

La scelta del campo di Cavazzo era stata decisa dalla Federazione prima del via della stagione. Nonostante si giochi a Cavazzo, formalmente è l’Ovarese la squadra di casa.

Cavazzo e Ovarese si affronteranno due volte in quattro giorni, in quanto domenica 12, su questo stesso campo, ci sarà la sfida di campionato. All’andata ad Ovaro vinsero i viola 1-0 grazie ad un rigore di Cescutti. Le due formazioni si ritroveranno tra quattro giorni in campionato sullo stesso campo per quella che già si preannuncia come una rivincita.


Il Cavazzo ha vinto la Coppa in due occasioni, ovvero 1979 e 2015, l’Ovarese in quattro, nel 1988, 1990, 2010 e 2014. Quest’ultima finale vide di fronte proprio Ovarese e Cavazzo, partita ricordata anche per le polemiche nate dopo la decisione della Figc di rinviare causa maltempo la sfida prevista il 13 agosto, spostandola al mercoledì successivo. L’Ovarese si impose poi 1-0 grazie al gol di Metaj.

Risolto l’unico dubbio nelle formazioni: nell’Ovarese gioca Gortan, con Cencig in panchina.

Dalle 19.40 diretta su Radio Studio Nord con la cronaca di Renato Damiani, Massimo Di Centa, Francesco Peressini e Andrea Calestani. Potete ascoltare la radio in FM, ma anche in streaming sulla app oppure CLICCANDO QUI.

In caso di parità al termine dei 90′ regolamentari, si andrà subito ai calci di rigore.

La presentazione della partita di Massimo Di Centa.

In caso di parità al termine dei 90′ regolamentari, si andrà subito ai calci di rigore.

Ci sono già le formazioni, con un unico dubbio nell’Ovarese fra Gortan e Cencig.

Amici del Campionato Carnico ben trovati da Cavazzo per la finale della Coppa Carnia 2018, edizione numero 41, che alle 20 vedrà di fronte l’Ovarese e i viola di casa. Seguiremo passo dopo passo l’avvicinamento al fischio d’inizio e in tempo reale l’andamento della partita. Vi invitiamo quindi ad aggiornare costantemente la pagina.

(a cura di Bruno Tavosanis)


35 commenti a “L’OVARESE VINCE IN RIMONTA LA COPPA CARNIA 2018”

  1. Giò ha scritto:

    GODO!
    GRAZIE OVARESE

  2. clara ha scritto:

    Complimenti ai ragazzi dell’Ovarese!!!
    Nonostante le difficoltà, stasera non avete mollato anche sotto di 2 gol. Bravissimi!!!!!

  3. Andrea ha scritto:

    Un sentito ringraziamento al cavazzo per non aver reso noiosi nè il campionato, nè tantomeno la coppa….

  4. ERICK STEFANI ha scritto:

    Grande ovarese sono orgoglioso dei ragazzi e della società ,avendo passato 8 anni bellissimi ad ovaro sono felicissimo per questa splendida vittoria sempre FORZA OVARESE

  5. Harry ha scritto:

    Complimenti per la cronaca scritta in diretta, ci avete fatto vivere la partita come fossimo lì a Cavazzo. Il campo poi ha fatto il resto con emozioni incredibili che a volte solo il calcio sa dare, partita segnata fino a 5 min. dalla fine e poi succede quello che nessuno si aspetta. Bravi all’ Ovarese che ci hanno creduto strappando di mano una Coppa che era già in direzione bacheca del Cavazzo

  6. Eh Mah ha scritto:

    In una cornice di pubblico eccezionale con un organizzazione impeccabile dove nel 1°tempo solo una squadra risultava in campo e dopo 1-2 e fino al tiro di Gonano 42 del 2°tempo che ha dato l’illusione del gol per una parata a terra al limite della linea, non si vedevano gli ospiti , accade quello che nel calcio aspettiamo sempre il ritorno dell’imprevedibile. Il Cavazzo invece di contenere palla e farla girare continua ad attaccare allungandosi lasciando due uniche occasioni agli ospiti, poi l’allenatore ci mette del suo facendo i rigoristi a pochi minuti dalla fine e qui la favola si interrompe! Merito del Ovarese squadra sempre ostica ma rocciosa che alla fine ha meritato se non altro per averci creduto sino alla fine. Mi permetto di dare un consiglio alla squadra di case del grande Nils Liedholm: “Se la palla l’abbiamo noi, gli altri non possono segnare” –

  7. Pierino ha scritto:

    Grazie Ovarese!
    Non avete abbastanza soldi,ve l han fatta giocare anche in casa e ora tutta la carnia ride e canta…..Non la vincete mai….Non la vincete mai…..

  8. Giulio Fornasiere ha scritto:

    Non capisco perchè invece che gioire per la vittoria della propria squadra o comunque della propria preferita tra le due, si perda tempo ed energie a prendersi inutili rivincite o a ridicolizzare chi ha perso. Misteri del calcio

  9. Giancarlo ha scritto:

    E anche questa volta il mitico Luigino l’ha azzeccata. Lui aveva detto che la sua Ovarese, nella partita secca, non è seconda a nessuno
    Grande Gigio

  10. n.Taverna ha scritto:

    @Pierino
    Finche’ i soldi non sono rubati se una societa’ e’ “brava” a trovarne piu’ di altre non vedo quale sia lo scandalo
    ( lo scandalo e’ invece che quasi tutte le squadre danno soldi/rimborsi , ma questo non ditelo a nessuno … )
    inoltre il campo di Cavazzo e’ stato scelto in quanto uno dei pochi con le nuove certificazioni sul pubblico spettacolo in regola .

    RIDI E CANTA , che ti passa !

  11. ERICK STEFANI ha scritto:

    Complimenti per l’organizzazione pubblico da stadio vero complimenti per la bellissima partita tirata fino alla fine il tasso tecnico non si discute ma l orgoglio e la forza del gruppo probabilmente ha fatto la differenza Complimenti a tutti forza ovarese

  12. Loris Missana ha scritto:

    Buonasera.
    E’ sintomatico che chi sia il più forte attiri sempre, per la maggior parte dei casi, l’antipatia dei tifosi “avversari”.
    Quante antipatie stanno attirando la torinese Juventus in ambito calcistico, l’Hamilton pilota di formula uno, il Marquez motociclista, ed avanti così.
    Come spesso si legge su questo sito, l’amore-odio (in senso buono, sia chiaro) nei confronti di una compagine avversaria fa parte del gioco, quindi non è il caso di fare tragedie se i commenti sprezzanti si rivolgono, in questo caso, ai “vinti”; avrebbe potuto succedere pure il contrario (giusto?).
    Pertanto onore ai vincitori, che hanno saputo dare una sferzata clamorosa alla disputa, ed onore ai vinti che, comunque, hanno accettato la sconfitta senza giustificazioni di sorta e, soprattutto, per la macchina organizzativa messa in moto degna di una grande manifestazione della montagna.
    Maman

  13. Christian lestuzzi ha scritto:

    Bravo Giulio…come sempre analisi azzaccata!!!!Pierino oggi se la ride e se la canta, ma d’altronde le sue occasioni per gioire sono così rare che non glie ne si può fare una colpa! Invece di ridere e cantare datevi da fare, invece di invidiare e sputtanare iniziate a programmare!!!! Tra un po’ di anni qualcuno si pulirà il culo con le foglie

  14. Pino Princi ha scritto:

    Potete scrivere quello che volete ma non vittoria meritata dell’ovarese (già da tempo fuori dalla lotta scudetto), quella squadra che ha dovuto vincere ai rigori contro Tarvisio e nuova Osoppo per arrivare in finale mentre il Cavazzo (ancora in corsa per il campionato) rifilava risultati tennistici a tutte le avversarie . Nel secondo tempo 2 tiri in porta 2 goal , bravi ? Io direi fortunati dall’inizio alla fine .

  15. Christian lestuzzi ha scritto:

    Parole sante!

  16. Monica Fiorencis ha scritto:

    So che c’è stato il predominio del cavazzo fino a 15/20 minuti dalla fine, ma una partita non si vince al 75esimo. Non sarebbe stato difficile tenere palla e non far giocare l’Ovarese, eppure siamo stati in grado di pareggiare. Questa non mi sembra fortuna, ma merito di aver lottato e averci creduto fino alla fine contro una delle squadre più in forma del campionato.
    P.S. non so che partita ha visto lei Sig. Princi, ma io ho contato più di due tiri in porta nel secondo tempo.
    Comunque sempre forza Ovarese

  17. Dado ha scritto:

    Non sono assolutamente d’accordo con il commento di Pino Princi, nel calcio non sempre vince il più forte, a volte vince il più bravo. Non è forse un merito il crederci fino alla fine ? Così con il Cavazzo come contro la Nuova Osoppo, con i rigori ” guadagnati” all’ ultimo respiro riacciuffando un risultato che sembrava impossibile. A me sembra una bella favola , certo un pizzico di fortuna non guasta ma te la devi andare a cercare fino all’ ultimo minuto come ha fatto l’Ovarese, non è forse un grande merito questo? Lei dice fortunati, io dico….Bravissimi !!!

  18. Elisa ha scritto:

    Signor Lestuzzi, chi è che deve “pulirsi il culo con le foglie”? L’Ovarese ha sempre fatto giocare giocatori di Ovaro o fatti crescere nel settore giovanile, cosa che non credo abbia fatto il Cavazzo. Basta contare i giocatori in campo mercoledì alla finale: 8 di Ovaro. 2 cresciuti nel settore giovanile e 1 che sono almeno 10 anni che gioca a Ovaro. Nel futuro… chi vivrà.. vedrà.
    Brucia perdere così in casa vostra eh?

  19. Christian Lestuzzi ha scritto:

    Cara Elisa, in merito a discorsi sul far crescere i ragazzi e il settore giovanile mi sembra superfluo risponderle, dal momento che il cavazzo ha 2 prime squadre e un settore giovanile che vanta piu di un centinaio di tesserati. È vero, il cavazzo non fa crescere solo i ragazzi del proprio paese!!! Infatti fa crescere anche quelli degli altri paesi!!!! Mi scusi ma la cosa degli 8 di ovaro in campo di cui uno è 10 anni che ci gioca a ovaro e due che vengono dal settore giovanile non l ho capita??? E gli altri 5?????sono di ovaro perché ci vivono???? LASCIAMO STARE!
    Secondo punto: In campo ho visto 2/3 giocatori miei coetanei o forse anche più vecchi, senz’altro ottimi giocatori, ma non credo giocheranno per sempre.
    Comunque su una cosa ha ragione: la sconfitta Brucia da morire!!! Ma si ricordi che non l’avete proprio vinta, ve l’abbiamo regalata!!!
    Ultima cosa: basta con la cagata dei soldi…siete ridicoli. I soldi la società se li suda!!!

  20. Flavio Cescutti ha scritto:

    Noblesse oblige…

  21. ERICK STEFANI ha scritto:

    Caro Christian forse hai ragione e sottolineo forse l’avete regalata per cambi sbagliati o infortuni capitati durante la partita ma devo dare ragione a dado ed Elisa la fortuna aiuta gli audaci e l ovarese è stata si fortunata ma bisogna dargli atto che non hanno mai mollato e ci anno creduto fino alla fine .poi una cosa al signor Princi le partite più belle sono quelle giocate dall ovarese con tarvisio e nuova osoppo, si sa il Cavazzo e una squadra equilibrata e forte con degli ottimi giocatori però mi permetto di dirle vincere è bello segnare anche ma umiliare l’avversario è bruttissimo le dice risultati tennistici bravi ma non è che facendo una caterva di gool come contro il fusca dimostri di essere il più forte le partite si vincono anche facendo 1 solo gool i punti sono sempre quelli 3 non è che più segni più punti hai in classifica con questo chiudo mandi

  22. ERICK STEFANI ha scritto:

    Caro Christian io.Non parlerei di partita regalata perché pareggiare una partita a 10′ dalla fine sotto di 2 gool e poi vincere ai rigori non è facile io parlerei di una squadra che ha lottato fino alla fine senza mollare o scoraggiarsi mai di una reazione di orgoglio poi come dice Dado un Po di fortuna ci vuole ma la fortuna aiuta gli audaci.poi un commento a risposta del signor Princi vincere è bello segnare pure ma umiliare l’avversario per conto mio non è tanto bello, lei parla di risultati tennistici bravi ,non è che più gool fai più punti di danno in classifica con 1 gool o 20 gool sempre 3 punti hai, ogni tanto basta un gool o due e poi giocare a calcio vero perché così facendo non è calcio altrimenti veramente andiamo tutti a giocare a tennis saluti

  23. ERICK STEFANI ha scritto:

    A poi un altra cosa signor Christian Luigino è un bravissimo ragazzo che da l’anima per una società.che ama e che adora fin da.bambino io lo conosco,conosco il papà è ho avuto la fortuna di conoscere il nonno avendo giocato ad ovaro per 8 anni ragazzi che dedicano il loro tempo e si impegnano come fa Luigino nel ovarese io sinceramente in giro per i campi non li vedo e mi.creda che di campi ne giro ogni domenica

  24. Christian Lestuzzi ha scritto:

    Sig. Stefani
    Luigino è una persona splendida; detto questo non ho capito perché si rivolga a me, dal momento che non l’ho mai nominato nei miei commenti.mandi

  25. Loris Missana ha scritto:

    Buongiorno.
    Poco fa ho avuto modo d’interloquire con un amico dirigente dell’Ovarese: non mi sono congratulato ma ho loro proposto di trasferire immediatamente la Coppa Carnia 2018, conquistata alcuni giorni orsono, al comune del lago, in maniera tale che i signorotti di Cavazzo Carnico la smettano di lagnarsi compiutamente.
    Maman

  26. Pino Princi ha scritto:

    Leggere nel vocabolario il significato della parola “meritare” prima di commentare ad cazzum

  27. ERICK STEFANI ha scritto:

    Ha ragione ma nel vocabolario ce una frase che dice bisogna anche saper perdere comunque è stata una vittoria di tutti per il.calcio per il pubblico per l’organizzazione basta dare sempre contro alle squadre “piccole ” ogni partita ha la sua storia

  28. Christian Lestuzzi ha scritto:

    Portatela giù! Siamo signorotti, spazio ne abbiamo…ahahahahahaha

  29. Christian Lestuzzi ha scritto:

    A parte gli scherzi..tegnile di cont che magari sarà l’ultime!

  30. Pino Princi ha scritto:

    Abbiamo due vocabolari diversi io e lei sig.Stefani , il mio si basa su statistiche il suo su chiacchere da bar

  31. Loris Missana ha scritto:

    Egregio signor Lestuzzi:
    io vivo ed abito a Villa Santina ed ho amici in ogni parte della Carnia, e non solo.
    Non tifo Ovarese perché non è la squadra del mio paese, così come non tifo Cavazzo per l’analoga motivazione; tifo, da sempre, l’educazione, il buon senso e la sportività.
    Quella sportività, sana e vera, che dovrebbe indurla (lei che è uomo di calcio, a quanto mi è dato a capire) ad accettare la sconfitta senza mezzi termini; in questo caso la sconfitta in una partita secca di finale di Coppa Carnia.
    Che poi, cosa significa vincere una Coppa Carnia, un Campionato Carnico od una finale di Super Coppa Carnica?!
    Ribadisco che dovrebbero fare parte del gioco gli screzi goliardici che spesso si leggono su questo sito, ma personalmente ritengo che ora abbiamo prevaricato tutto il buon senso che dovrebbe circolare nell’acutezza delle menti umane.
    Il mio povero papà, simpaticamente, mi ripeteva saltuariamente quanto aveva imparato dai suoi avi rimarcandomi che “…la Carnia è un paese di grassi: va via la neve e rimangono i sassi…”
    Ed effettivamente l’aridezza delle nostre menti (nostre, perché io non mi chiamo fuori) non fa altro che confermare quanto annunciato dai nostri antenati.
    Maman

  32. Christian Lestuzzi ha scritto:

    Egregio sig. Missana, ho iniziato a commentare l’articolo sopra solo nel momento in cui ho letto “l’irriverente” commento del sig. Pierino che diceva:” non avete abbastanza soldi ve l’hanno fatta giocare in casa e adesso la gente ride e canta”……..Premesso che le risa e i canti a mio parere valgano quanto una pisciata in un fiume, non accetto più le discussioni relative a soldi, presunti stipendi o tesori templari nascosti….noi a casa nostra i soldi ce li sudiamo e li spendiamo esattamente come ci sembra più corretto farlo….Vedo tutti i giorni lo sforzo di decine di persone che solo per sano amore sociale e attaccamento ai colori si fanno il mazzo per portare avanti un progetto importante.Il fatto che lei abbia consigliato al suo carissimo amico di riconsegnare la coppa ai “signorotti” di cavazzo, non fa altro che acuire la pochezza del commento sopra citato!!! E SE PERMETTE NON MI STA BENE!!!
    Inoltre la frase “così i signorotti smetteranno di lagnarsi”….non rende di certo merito alle forbite parole del suo commento ulteriore…Mi permetta!!!Predichiamo bene, con parole pompose, ma razzoliamo male( correggetemi se non si dice così).
    Detto questo voglio sottolineare il fatto di non avere mai commentato i sani commenti sportivi di complimenti all’Ovarese per il risultato ottenuto…
    Tanto per chiarire. Buine niot

  33. Christian Lestuzzi ha scritto:

    Chiedo scusa, dimenticavo: la bellissima vittoria contro l’ovarese di domenica dimostra come la squadra abbia incassato e digerito,con grande forza di gruppo e personalità!!!! Sappiamo perdere, ma sappiamo anche vincere! Mandi

  34. ERICK STEFANI ha scritto:

    Signor Princi ho giocato nel.Carnico per 30 anni ho girato tutte le categorie dal villa in terza per finire la mia carriera nel Real non penso mi servano le chiacchiere.da bar per capire se una partita è meritata o immeritata mandi

  35. ERICK STEFANI ha scritto:

    Signor Princi ho giocato a calcio per 30 anni nel Carnico e non penso mi servano la chiacchiere da bar per capire quando una.squadra meriti di vincere o no .Se ci basiamo sulle statistiche vada a vedere la classifica delle squadre che anno vinto più campionati è coppe carnia è vedrà da solo grazie

Lascia un commento



* campi obbligatori


Campionato Amatori Settore Giovanile Terzo Tempo A tutto carnico

Per la tua pubblicità

Ufficio Pubblicità
Telefono: +39 0433 40690
Email: spot@rsn.it

Edizioni precedenti

Radio Studio Nord