di Bruno Tavosanis - domenica 17 Marzo 2019 [Carnico, Coppa Carnia]

Foto di Alberto Cella

Ora è certo, anche nel Carnico 2019 saranno 39 le squadre al via.

Non una notizia scontata, perché in particolare Ravascletto e Comeglians avevamo manifestato nelle ultime settimane (e negli ultimi giorni) una certa difficoltà nell’allestire una rosa sufficientemente attrezzata per affrontare la stagione.

Problemi quindi fortunatamente risolti, perché ad esempio una Terza Categoria con sole 11 squadre sarebbe stato pesante per l’immagine del movimento e per le comunità interessate.

Novità invece per la Coppa Carnia, perchè saranno ben 38 le formazioni al via, tutte tranne l’Ardita. A memoria non si ricorda una partecipazione quasi assoluta alla manifestazione.

Ora la Figc dovrà stabilire la formulazione dei gironi e, considerando il numero delle squadre iscritte, le soluzioni adottabili sembrano essere due:

A) 8 gironi da quattro squadre e 2 da tre. Accedono agli ottavi le 10 vincenti e le 6 migliori seconde dei gironi da quattro.

B) 10 gironi da tre squadre e 2 da quattro. Passano il turno le 12 vincenti dei gironi, le seconde dei raggruppamenti da quattro e le due migliori seconde dei gironi da tre.

È evidente che nel primo caso la maggior parte delle squadre disputerebbe tre partite, nel secondo solo due.


8 commenti a “IL CAMPIONATO RESTA A 39 SQUADRE, SOLO L’ARDITA RINUNCIA ALLA COPPA”

  1. William ha scritto:

    E se per la coppa si facessero 6 gironi da 5 squadre e 2 gironi da 4 squadre con le prime 2 squadre qualificate?
    Saluti

  2. Bruno Tavosanis ha scritto:

    Ci sarebbe una partita in più a metà settimana per ogni squadra e non è cosa da poco per molte società, sia per la disponibilità dei giocatori sia per chi non ha l’impianto di illuminazione. Non a caso in passato non si è mai superato il limite di 4 squadre per girone

  3. Flavio ha scritto:

    11 gironi (5 gironi da 4 + 6 gironi da 3)…passano tutte le squadre vincitrici dei rispettivi gironi e tutte le seconde classificate dei gironi da 4 squadre

  4. Bruno Tavosanis ha scritto:

    Ci può stare, ma ti ritroveresti con metà squadre che giocano 3 partite e l’altra metà che ne giocano 2. Considerando che tutti pagano la stessa quota d’iscrizione, gli scontenti non mancherebbero… Le mie ipotesi tendono proprio a far sì che quasi tutte le squadre giochino lo stesso numero di partite, che immagino sia l’obiettivo anche della FIGC

  5. Flavio ha scritto:

    La mia ipotesi era proprio volta a scongiurare lamentele:

    – evitando di trovarsi nell’unico/negli unici due gironi “sfigati” di 3 squadre, ben sapendo che buona parte delle squadre si trova nella medesima situazione, credo venga meno voglia di lamentarsi

    – il criterio di selezione delle squadre qualificate non dovrebbe tener conto della comparazione con altri gironi in quanto passano le prime nei gironi da 3 e le prime due in quelli da 4. In questo modo una squadra sa che dipende tutto da lei e non dal risultato eventuale di un’altra partita di un altro girone

  6. Bruno Tavosanis ha scritto:

    Resta però il fatto che 20 squadre giocano 3 partite e 18 ne giocano 2. Non un fattore banale. Tieni presente poi che anche ai Mondiali e agli Europei si tengono in considerazione gli altri gironi, quindi diciamo che si tratta di una prassi consolidata a tutti i livelli

  7. Damiano ha scritto:

    Invece se si facessero 10 triangolari e 2 gironi da 4 , con il passaggio del turno per le migliori 4 seconde (nei quadrangolare si scarta il risultato con l’ultima)

  8. Bruno Tavosanis ha scritto:

    Ci può stare, però credo che la maggior parte delle società, considerato che pagano l’iscrizione a prescindere dal numero delle partite giocate, preferirebbero disputarne almeno tre anziché solo due.

Lascia un commento



* campi obbligatori


Campionato Amatori Settore Giovanile Terzo Tempo A tutto carnico

Per la tua pubblicità

Ufficio Pubblicità
Telefono: +39 0433 40690
Email: spot@rsn.it

Edizioni precedenti

Radio Studio Nord