CAMBIA LA VETTA DI SECONDA E TERZA

di MASSIMO DI CENTA

La prima domenica di luglio non regala sorprese clamorose nella massima serie, mentre fa registrare le sconfitte della capolista in Seconda e in Terza, rendendo incerta la lotta al vertice.

 

Matteo Selenati (Mobilieri)

A proposito di vertice, tutto regolare in Prima categoria: il Cavazzo primo ed i Mobilieri (primi inseguitori dei campioni in fuga ) fanno il loro dovere. Il Cavazzo, in verità, fatica più del previsto a mettere sotto la Pontebbana ed il gol decisivo è di Marcon che di solito non gioca titolare, ma spesso si rivela determinante quando entra a partita in corso, confermando l’importanza di avere una rosa come quella dei viola.
Tutto facile per i
Mobilieri, invece, che con quattro marcatori diversi (Del Linz, D’Andrea, Vidali  e Matteo Selenati) sprofondano ancora di più il Fusca in fondo alla classifica.
Le prime due, insomma, allungano anche perché il
Real si fa sorprendere a domicilio (è il secondo ko di fila in casa) dal Campagnola, che ancora una volta dimostra la sua imprevedibilità.
E così il
Trasaghis, che nel finale piega l’Amaro grazie a Carlig, si porta a due punti dal podio costringendo la formazione di Talotti ad un penultimo posto preoccupante, anche se sono ben sei le squadre raccolte in tre punti.

Stefano Moro (Arta Terme)

Vincendo col Cercivento, l’Ovarese fa un balzo avanti significativo e la vittoria conquistata ha anche un valore morale non indifferente. Il Cercivento è apparso svuotato, sfinito da un calendario insostenibile per un organico non propriamente ampio e la delusione di Moser a fine gara era palpabile, tanto è vero che il tecnico ha anche pensato di farsi da parte, per dare una scossa evidentemente.
Villa e Nuova Osoppo si dividono la posta (gol nobili quelli del “Campo dei Pini” con Roby Agostinis, Gabriele Guariniello e un doppio Granzotti) ed il pareggio, a conti fatti non è nemmeno così banale visti gli altri risultati nel fondo classifica.
Il derby di Arta Terme ha riservato emozioni e gol a grappoli, forse anche per la relativa tranquillità delle rispettive classifiche: alla fine ha vinto l’
Arta, con Moro che si è tolto la soddisfazione del gol dell’ex e con Bogarelli che sembra aver ritrovato la vena dello scorso anno. Una paio di indecisioni del portiere del Cedarchis Luca De Giudici hanno caratterizzato una contesa che, importanza di classifica o no, resta sembra una sfida appassionante. 

In Seconda l’Illegiana capolista cade in casa della Velox, conferamdo un periodo di forma non brillantissima (eccezion fatta per il vittorioso recupero col Paluzza): tre sconfitte nelle ultime 5 partite non sono un bel segnale per la compagine di Colosetti. La vittoria, invece, rimette in carreggiata la Velox che torna a sperare di tornare in corsa per la promozione.

Josef Dereani (Velox)

La sconfitta in Val d’Incarojo fa scivolare i neroverdi in terza posizione, perché Sappada (ora primo) e Folgore hanno fatto bottino pieno in trasferta. Il Sappada vince a Ravascletto: in svantaggio alla fine del primo tempo la squadra di Piller pareggia a inizio ripresa  grazie ad un gol fantasma che fa imbestialire i padroni di casa, rimasti in 8 a fine gara, ma il successo appare legittimo.
Bella prova della
Folgore, che sbanca Tarvisio (ancora in gol Esteban Falcon) ridimensionando le ambizioni della squadra di Menis, che rimane comunque in piena corsa promozione, quella corsa promozione alla quale torna ad affacciarsi il Paluzza corsaro in casa della Stella Azzurra: Daniele Iob stavolta rimane a secco, non così Matteo Zammarchi che ne fa due con Patrick Di Centa e Andrea Del Bon a completare il poker nerazzurro.
Nella parte bassa della classifica, il
Lauco (tre gol di Ermacora) affonda l’Ardita, mentre il Verzegnis ferma il tentativo della Val del Lago di risalire: una tripletta di “Spillo” Spilotti regala un punto alla squadra di Di Lena. Il turno di riposo toccava al Timaucleulis.

Francesco Puppini (Viola)

Anche in Terza cambio al vertice: l’Ancora, infatti, perde lo scontro diretto col Val Resia ed ora si vede scavalcata proprio dai rossoblu e dalla Viola che vince ad Ampezzo e raggiunge la vetta.
Alla vetta stessa si avvicina anche l’
Edera, che trascinata dai gol di Cristofoli (tripletta per lui) espugna Bordano e arriva a ridosso delle prime.
Preoccupante l’involuzione del
San Pietro, sconfitto (e superato in classifica) dalla Moggese, che si regala un bel pomeriggio, anche se i viola devono recuperare la partita con l’Audax.
Nelle ultime due partite della giornata larghe vittorie esterne per il
Castello (che supera La Delizia) e per l’Audax che rifila sei reti al Comeglians che ancora non riesce a raccogliere punti.

(nella foto di Alberto Cella, il gol del 2-0 di Della Pietra in Ovarese-Cercivento)

Subtitle

Per la tua pubblicità

Some description text for this item

Subtitle

TECHNICAL PARTNER

Some description text for this item

Ufficio PubblicitàRadio Studio Nord e-mail: spot@rsn.itT +39 0433 40690
Redazione Radio Studio Nord e-mail: redazione@carnico.it
Link Utili FIGC Tolmezzo
Precedenti Stagioni 202120192018 Altre edizioni