Che tonfo per la Velox con l’Ardita

di BRUNO TAVOSANIS

Il turno infrasettimanale lascia invariate le distanze fra Cavazzo e Mobilieri alla vigilia dello scontro diretto, con i viola campioni in carica che mantengono così il “bonus” di 2 punti da sfruttare in caso di sconfitta.

Guido Nodale (Cedarchis)

Stasera la squadra di Chiementin si è imposta 4-1 al Real con quattro marcatori diversi, mentre un gol di D’Andrea consente ai Mobilieri di vincere ad Amaro e mantenere viva la speranza-scudetto. A proposito dell’Amaro, l’ennesimo ko lo allontana sempre più dalla zona salvezza in una giornata che vede per la prima volta il Campagnola ritrovarsi nelle ultime tre posizioni dopo il ko con il Cedarchis.

Tira invece un sospirone di sollievo il Cercivento, che al 93′ trova il pari con Peresson (non nuovo a gol decisivi in extremis) impattando la sfida interna con la Nuova Osoppo, avanti con la rete di Granzotti. Grande delusione ovviamente per la squadra di Gobbi, che sognava di fare un passo importantissimo verso la permanenza nella categoria.

Riccardo Granzotti (Nuova Osoppo)

L‘Ovarese vince largamente con la Pontebbana grazie in particolare a Boreanaz, alla seconda tripletta interna consecutiva; del resto non ci sono dubbi sul fatto che l’attaccante di Beorchia, quando è in buone condizioni, può spostare gli equilibri. La formazione di Pontebba deve così cercare da qui al 13 ottobre qualche altro punto per essere tranquilla.
Trasaghis e Arta Terme si dividono salomonicamente la posta, ma del resto un pari stava bene ad entrambe per evitare qualsiasi rischio.
Infine il successo netto del Villa sul Fusca, che condanna la squadra di Fusea a Cazzaso alla matematica retrocessione.

In Seconda Categoria la notizia della serata è la sconfitta interna della Velox con l’Ardita in una partita che sembrava avere il pronostico chiuso; un risultato che complica decisamente la strada verso la Prima dei gialloblu, mentre i fornesi mantengono in vita le speranze-salvezza, anche se i 7 punti di ritardo sembrano un ostacolo insormontabile. Bravi comunque i ragazzi di Romanin a crederci.

Raffaele Carrera (Ardita)

Ma non è solo la Velox a piangere, perche perde anche la Folgore, battuta dalla Stella Azzurra con il solito Daniele Iob che nel derby personale (lui ex Villa) segna le due reti decisive.
Buone notizie, quindi, per Paluzza e Sappada, che pareggiano nella sfida diretta; se domenica al “Filzi” batterà la Stella Azzurra, il Sappada sarà matematicamente promosso in Prima, mentre il Paluzza se la può giocare alla pari con le altre nonostante debba ancora riposare (ieri è toccato all’Illegiana il turno di stop e pure i neroverdi non si possono certo lamentare per l’andamento della serata).
Nella zona bassa della classifica clamoroso 4-4 a Chiusaforte fra Lauco e Verzegnis, con il player manager Paolo Di Lena che piazza la doppietta in un primo tempo che vede la sua squadra avanti 4-2. Poi negli ultimi 10′ la rimonta del Lauco e così le due squadre restano appaiate a quota 23, con il Verzegnis che però deve ancora riposare.

Alberto Tomasini (Tarvisio)

Detto del successo della Stella Azzurra, che consente ai gemonesi di portarsi a +5 proprio sulla coppia che occupa il terzultimo posto, Ravascletto e Val del Lago non si fanno male, chiudendo senza reti.
Una tripletta di Tomasini consente al Tarvisio di fare un bel balzo in avanti, mentre anche la matematica non offre più chance al Timaucleulis, da stasera retrocesso.

Nel recupero della Terza Categoria l’Ancora batte a domicilio il Bordano (con Polonia che segna il 2-0 e sale a quota 19), portandosi ad un rassicurante +6 sul terzo posto. Un bel bottino con il quale presentarsi, dopo la partita di domenica prossima con l’Ampezzo, al trittico finale di sfide con le altre candidate alla promozione San Pietro, Val Resia e Moggese.

(nella foto di copertina di Alberto Cella, una fase della partita di andata fra Real e Cavazzo)

Commenta con Facebook