È la domenica di Mobilieri-Cavazzo

di MASSIMO DI CENTA

Non solo Mobilieri – Cavazzo: la giornata che ci apprestiamo a vivere presenta confronti importanti in ogni categoria, come si può facilmente constatare leggendo il calendario.
La Prima, si diceva, trova il suo clou nella supersfida di Sutrio: i Mobilieri cercheranno quella vittoria che consentirebbe loro di arrivare a meno due dai capoclassifica per dare un senso alle ultime giornate. Il Cavazzo può puntare tranquillamente a due risultati su tre, perché comunque conservare gli attuali 5 punti rappresenterebbe una polizza-scudetto sicura. Ma la formazione viola non farà calcoli, perché c’è il desiderio di affermare una supremazia totale sul torneo.

Federico De Antoni (Mobilieri)

Per quanto riguarda la coda, la sfida più delicata sarà quella tra Nuova Osoppo e Amaro: per i biancazzurri si tratta probabilmente di uno degli ultimi treni per dare corpo a speranza di salvezza che si sono complicate non poco. Come quelle del Campagnola, che nella difficile sfida interna contro il Villa, cercherà di porre fine all’emorragia di sconfitte che ha precipitato i gemonesi verso il fondo classifica. Da seguire, poi, il match dello ”Zuliani”: a sfidare l’Arta arriva infatti un Cercivento che pare aver ritrovato un discreto stato di forma ed è pronto a giocarsi le proprie possibilità di salvezza in casa di una squadra, quella termale, che a 30 punti è virtualmente tranquilla. C’è poi l’Ovarese, che sul campo del Fusca cerca una vittoria fondamentale per prepararsi alla volata finale: lo scatenato Boreanaz di questo periodo guiderà l’attacco biancazzurro ma Sandro Beorchia si attende conferme da parte di tutti i suoi uomini. In PontebbanaTrasaghis e RealCedarchis sono in palio punti importanti per i padroni di casa che in caso di successo farebbero un passo in avanti probabilmente decisivo verso la tranquillità.
In Seconda, il Sappada in casa contro la Stella Azzurra cercherà quel punto che significa promozione, in attesa di chiudere il girone al primo posto, obiettivo dichiarato del tecnico Renzo Piller ad inizio stagione. Logico che i gemonesi (in cerca di punti salvezza) non arriveranno a Sappada come ospiti invitati ad una festa …

Carlo De Cristofano (Folgore)

Alle spalle, è autentica bagarre, con due sfide incrociate da brividi: Illegiana Paluzza e Folgore Velox sono gare che valgono doppio e nelle quali ognuno si porterà pregi e contraddizioni palesate finora. L’Illegiana vorrà mettersi alle spalle un periodo davvero sbiadito; il Paluzza una costanza di rendimento scalfita solo in poche occasioni; mentre a Villa il confronto è quello tra due squadre che di solito patiscono i confronti facili ma si esaltano negli scontri diretti. In coda, col Verzegnis atteso dal turno di riposo, c’è il match Val del LagoTarvisio a rivestire l’etichetta di clou. L’Ardita, in casa col Ravascletto, punterà soltanto alla vittoria, mentre gli ospiti potrebbero anche accontentarsi di un pareggio. Il Lauco, infine, punterà al bottino pieno in casa del Timaucleulis.

Francesco Bonini (Val Resia)

In Terza, turno più che abbordabile per la capolista Ancora in casa con l’Ampezzo, a patto di mantenere alta la concentrazione. Lo stesso discorso vale per l’Edera che sfidando in casa il Comeglians dovrebbe centrare il successo. Il compito più difficile tra le pretendenti al salto di categoria è senza dubbio quello del San Pietro, atteso dall’Audax che in questa partita pone molte delle sue speranze di un clamoroso rientro nel giro promozione. Val ResiaBordano e ViolaLa Delizia in un’ipotetica schedina sono sfide da 1 fisso, ma occhio alle sorprese sempre dietro l’angolo. Trasferta più complicata quella della Moggese sul campo del Castello.

CLICCA QUI PER IL QUADRO COMPLETO DI PARTITE E ARBITRI

(nella foto di copertina le tribune del campo di Sutrio)

Commenta con Facebook