Lo strano 25 aprile del Carnico

di MASSIMO DI CENTA

È un 25 aprile strano. Negli ultimi anni questa giornata, ultimamente svuotata del significato autentico, significava l’inizio della stagione del Carnico, con la disputa del primo turno della fase a gironi della Coppa Carnia.
Quest’anno non sarà così. Il piccolo esercito che si sarebbe dovuto muovere rimarrà a casa: i giocatori faranno riposare ancora i muscoli intorpiditi, i borsoni resteranno vuoti, i campi tirati a lucido da una primavera mai favorevole come quest’anno sembreranno giardini, i giornalisti lasceranno block notes e penne nei cassetti proprio come si fa con i sogni più belli e i chioschi pronti ad emanare sapori e profumi resteranno a griglie fredde e bottiglie chiuse.
Di fronte a quello che è successo e, sia pur in misura minore sta succedendo, sembra un’eresia parlare di una partita di calcio. Chi non ama questo sport sarà prontissimo a farlo rilevare, chi invece questo sport lo ama si sentirà una volta di più privato di un altro pezzetto di vita. E tutti noi che il calcio lo amiamo aspettiamo, aspetteremo…
Aspetteranno i giocatori, smaniosi di mettere scarpe ed indumenti nel borsone per correre al campo e sgranchire i muscoli intorpiditi.
Aspetteranno i custodi dei campi ai quali quei prati verdi tirati a lucido stavolta piaceranno un po’ meno.
Aspetteranno i giornalisti che amano scrivere e raccontare l’evento.
Aspetteranno gli addetti ai chioschi, che non vedono l’ora di fare la scorta.
E aspetterà il protagonista principale di questo mondo colorato e scalpitante: il pallone. Chissà, magari gli dispiacerà non essere preso a calci, di non finire tra i guanti di Bortoluz, di non essere accarezzato da un ghirigoro di Carnir, di non terminare la sua traiettoria in rete dopo un tocco di Del Linz o dopo aver scosso i riccioli di Nait.
E aspetterà lì, sgonfio e in attesa di essere gonfiato, per rotolare sui prati del Carnico.
Vogliamo e dobbiamo essere ottimisti, vogliamo e dobbiamo sperare che prima o poi si inizierà, in attesa di sapere se ci sarà un campionato normale o un torneo bonsai, costretto a farsi dettare le regole e la durata da un virus.
Aspettiamo solo di sapere cosa deciderà Conte: no, non quello del 3-5-2- in cui non sa dove piazzare Erikssen, ma quello che sta a capo del Governo e deve fare i conti con un’emergenza davvero troppo grande per poter essere gestita con la consapevolezza di non poter sempre fare una cosa che accontenti tutti.
E allora aspettiamo, rimandiamo questa “festa” che alla fine rimane il nostro Carnico: quel giorno festeggeremo la nostra particolarissima Liberazione, perché quando Nicole Puntel, Jacopo Fachin e Riccardo Lostuzzo daranno il tanto sospirato fischio d’inizio, significherà che si può giocare e tornare a vivere la nostra vita. Normale.

Commenta con Facebook
Subtitle

Per la tua pubblicità

Some description text for this item

Subtitle

Approfondimenti

Some description text for this item

Subtitle

TECHNICAL PARTNER

Some description text for this item

Ufficio PubblicitàRadio Studio Nord e-mail: spot@rsn.itT +39 0433 40690
Redazione Radio Studio Nord e-mail: redazione@carnico.it
Link Utili FIGC Tolmezzo
Precedenti Stagioni 2019 2018 2017 Altre edizioni