Ultima giornata da brividi

di MASSIMO DI CENTA

Ultima giornata con i seguenti verdetti da definire: le due retrocessioni in Prima, due promozioni ed una retrocessione in Seconda e due promozioni in Terza. Per le eventualità di possibili spareggi CLICCARE QUI. Scendiamo nel dettaglio per quanto riguardi i campi interessati alla partite che contano.

Andrea Quaglia (Cercivento)

In Prima, al Cercivento basterà un punto nella trasferta di Trasaghis per mantenere la presenza nella massima serie. L’impresa non sembra impossibile, perché aldilà delle motivazioni, il Trasaghis non pare in un grande periodi d forma, mentre la formazione di Moser (che però ha fuori due difensori per squalifica) ha dato segni di vitalità domenica scorsa con l’Ovarese.
Uscire dal “Costantini” con punti, significherebbe retrocessione certa per Campagnola ed Amaro: i gemonesi saranno impegnati sul campo dei Mobilieri che vorranno “aiutare” Del Linz a vincere la classifica marcatori di categoria e questo, francamente, appare l’unico obiettivo dei sutriesi.
Trasferta impegnativa anche per l’Amaro che renderà visita la Real, squadra che dopo aver recuperato alcuni degli assenti delle ultime settimane sembra aver ritrovato una fisionomia più definita. Ma è chiaro che l’Amaro giocherà solo per vincere, se non altro per non avere rimpianti.
Sugli altri campi, Cavazzo – Fusca vivrà i 90’ in attesa della grande festa organizzata dalla società viola a fine match, quando ci sarà la consegna, sul campo, del trofeo dedicato alla squadra campione. Cedarchis – Pontebbana, Ovarese – Nuova Osoppo e Villa – Arta completano il programma.

Leandro Fachin (Folgore)

In Seconda, il campo principale è il “Nives Romano” di Paularo, dove Velox e Paluzza si affronteranno in una sfida decisiva che, per assurdo, potrebbe anche… non decidere: in caso di pareggio, infatti, e con contemporanea vittoria di Illegiana e Folgore, gialloblu e nerazzurri rimarrebbero fuori. Il fattore campo è di certo un piccolo vantaggio per la squadra dello squalificato tecnico Gressani, ma è chiaro che in partite come questa conta davvero poco.
Le altre due candidate saranno impegnate in casa di squadre già salve e quindi senza motivazioni che non siano quelle di chiudere brillantemente la stagione. L’Illegiana sarà di scena a Ravascletto, campo dove ha sempre conquistato i tre punti nelle ultime stagioni, mentre la Folgore a Lauco dovrà assolutamente vincere il complesso che sembra attanagliarla quando si trova di fronte a squadre di bassa classifica.
Altro campo “caldo” è quello di Verzegnis, dove i locali aspettano la retrocessa Ardita per conquistare quella vittoria che significherebbe sorpasso sulla Stella Azzurra (che riposa) e salvezza assicurata. L’impresa non sembra così difficile, anche se l’assenza del bomber Spilotti rappresenterà un problema per Paolo Di Lena.
Chiudono il programma Tarvisio – Sappada (coi sappadini che riceveranno sul campo la coppa quali vincitori del girone) e Timaucleulis – Val del Lago.

Cristhoper De Caneva (Edera)

In Terza, l’Ancora cercherà a Moggio i punti necessari per la conquista del primo posto, mentre ben più importanti sembrano le partite che si disputerannosui campi dove sono in ballo gli altri due posti per la Seconda: l’Edera giocherà ad Ampezzo, cercando di rimanere compatta e concentrata per una vittoria che non dovrebbe sfuggire; la Viola renderà visita al Val Resia, campo non propriamente facile da espugnare, mentre il decimato San Pietro sarà a Comeglians dove è facile pronosticare un “2” fisso che potrebbe però risultare inutile.
Ad aprire il programma sarà l’anticipo del sabato alle ore 16 fra Bordano e Castello (con Basaldella, a meno uno dall’attaccante dell’Ancora Polonia,  impegnato nella rincorsa al trono di bomber di categoria), con La Delizia – Audax a completare il quadro.

CLICCA QUI PER IL QUADRO COMPLETO DI PARTITE E ARBITRI

(nella foto di copertina il “Nives Romano” di Paularo)

Commenta con Facebook