di Renato Damiani - venerdì 23 febbraio 2018 [Carnico]

Il Carnico 2018 sarà composto da 39 squadre visto che la dirigenza del Rigolato ha deciso di non iscrivere la squadra quindi il girone di Terza categoria sarà formato da 12 squadre con conseguenti 22 giornate di campionato. L’ufficialità è giunta attraverso le dichiarazioni del dirigente storico Sandro Vergazzini: “ Una sofferta decisione giunta dopo aver constatato la difficoltà di mettere assieme un numero di giocatori sufficiente per affrontare in tranquillità la prossima stagione”. Da parte della società c’è ora la speranza di mantenere il titolo sportivo, anche se a livello di atleti la non iscrizione avrà come prima conseguenza lo svincolo automatico di tutti i tesserati i quali potranno trovare altre sistemazione, intendendo giocatori facenti parte del tabulato del Rigolato. Nel frattempo si è formalizzata l’iscrizione de Il Castello di Gemona, mentre solo al fotofinish si saprà se il blasonato Cedarchis (unica formazione ad aver vinto dieci titoli) farà parte del prossimo campionato.

 


5 commenti a “CARNICO 2018. IL RIGOLATO NON SI ISCRIVE”

  1. Daniele Candido ha scritto:

    Buongiorno.
    In merito alla mancata partecipazione del Rigolato al prossimo campionato Carnico, ritengo sia un fatto assolutamente grave. Dando i meriti a coloro che comunque non con poche difficoltà in questi anni ha mantenuto la squadra, bisogna fare una riflessione. Prima di tale sofferenza decisione, e le difficoltà incontrate non solo ultimamente(al di là dei risultati sportivi…), l’attuale dirigenza, avrebbe dovuto indire un’assemblea al termine del campionato scorso e manifestare le difficoltà di gestione. Probabilmente a quel tempo ci sarebbero state persone che avrebbero fatto da qualcosa per aiutare in tal senso. Ma ora è tardi e questo denota una mancanza di sensibilità verso una società che può vantare un impianto sportivo da molti invidiato è un trascorso importante.
    A questo punto, mi auguro che l’attuale dirigenza, mantenga, come anche da me proposto ed auspicato dalla stessa il titolo sportivo in modo da consentire, eventualmente, a chi ne abbia a cuore le sorti il ritorno del Rigolato al campionato Carnico e per dare una speranza ad un paese che sta’ attraversando un periodo molto particolare…

  2. MeggyTimeus ha scritto:

    Che tristezza…

  3. Harry ha scritto:

    Premesso che personalmente mi dispiace molto quando una squadra, un paese, alza bandiera bianca, vorrei fare una domanda che può essere usata come riflessione. Come mai, tante realtà piccole che fanno fatica ogni anno a presentare una rosa dignitosa, con dirigenti che fanno i salti mortali per creare una squadra, un gruppo, non prendono in considerazione l’ idea di unirsi con paesi o squadre vicine che hanno problemi simili ? Solo campanilismo o c’ è dell’altro? Non mi riferisco solo al Rigolato, lungi da me l’idea di fare polemiche inutili ma penso a un discorso più in generale. Cordiali saluti

  4. Monjo ha scritto:

    Sì mi associo è davvero triste… e andrà sempre peggio purtroppo. Ora non conosco le difficoltà del rigolato, ma mi permetto di fare una constatazione a livello generale: ognuno tira l’acqua al suo mulino… e anche i signori giocatori non si sentano poi tanto esclusi dal discorso, oramai sacrificio, un po d’orgoglio, passione si stanno riducendo sempre più. Fai una stagione sbagliata e Puff !! La gente scappa x andare nel “blasone” magari anche a sedersi. Adesso siamo 39, due o tre anni fa erano 41… andiamo pure avanti così.. resteranno 3/4 squadre che si faranno il quadrangolare e fine.. avranno rose da 40 giocatori… e sparirà tutto… ben Buona giornata, scusate il tono polemico, ma sono cose che vedo di continuo e ripeto la colpa è a tutti i livelli!!!

  5. Ferruccio ha scritto:

    Sempre una tristezza! Speriamo di riuscire a riportare qualche assente!

Lascia un commento



* campi obbligatori


Campionato Amatori Settore Giovanile Terzo Tempo A tutto carnico

Per la tua pubblicità

Ufficio Pubblicità
Telefono: +39 0433 40690
Email: spot@rsn.it

Edizioni precedenti

Radio Studio Nord