di Massimo Di Centa - sabato 9 Marzo 2019 [Carnico]

Sarà ancora Angelo “Spillo” Spiluttini a guidare il Lauco nell’avventura in Seconda. Lui da 30 anni nel Carnico (20 da giocatore e 10 da allenatore), conosce benissimo i percorsi tortuosi e difficili del calcio della montagna.

«So che ci aspetta una stagione particolarmente impegnativa – dice – e dovremo ripartire da zero. Sarebbe imperdonabile commettere l’errore di affrontare questa avventura senza la necessaria umiltà. La promozione dello scorso anno, con quel girone di ritorno incredibile, ovvero 10 vittorie e una sola sconfitta a Paluzza su rigore al 93’, ha riportato in “Porteal” tanta gente, quasi come  ai tempi di “Bacio” Damiani».

Naturalmente, la Seconda ha imposta qualche volto nuovo.
«Aldilà delle difficoltà che le piccole società come la nostra incontrano quando devono pensare a qualche rinforzo, abbiamo cercato di mantenere intatta il più possibile la rosa dello scorso anno, puntando sulla coesione del gruppo e sull’affidabilità di certi a di gioco. Il fatto che in organico ci sia un solo giocatore del paese la dice lunga sulla difficoltà che abbiamo di allestire una squadra in grado di garantire continuità. In tal senso ci dà una grossa mano il Villa, che ci concede molti giovani in prestito. In attesa di sapere se Mauro Fior, Davide Bearzi e Kevin Flamia resteranno a disposizione, arriveranno alcuni elementi: Raffaele Ermacora, attaccante, lo scorso anno con l’Ancora; Mattia Iaconissi, centrocampista esterno dal Fusca, che conosco molto bene per averlo allenato a Verzegnis; dagli Amatori, precisamente dal Malborghettone, arriverà Mattia Cilio. E infine Devis Billiani, difensore, fermo da alcune stagioni ed ora pronto a ricominciare».

Che obiettivi vi ponete?
«La salvezza. Possibilmente una salvezza tranquilla, conquistata prima possibile, ma nessuno di noi si nasconde le difficoltà cui andremo incontro. “Radio bar” ci dà già per retrocessi e questo deve trasformarsi in uno stimolo fortissimo per i miei giocatori. Attaccamento alla maglia, grinta e spirito di sacrificio dovranno essere gli ingredienti per colmare l’eventuale gap tecnico che patiamo di fronte ad altre formazioni».

“Spillo”, visto che ci sei dentro da 30 anni, come vedi il Carnico nel complesso?
«Mi pare di tutta evidenza che il livello tecnico si stia abbassando. Ci sono sempre meno giovani che si avvicinano al calcio, anche perché l’offerta di altre discipline sportive è davvero ampia. È paradossale che le squadre partecipanti siano più o meno sempre le stesse, a dispetto del calo demografico. Chiaro, quindi, che molte compagini presentino organici ridotti e a luglio o agosto arrivino coi giocatori contati alle partite, determinando uno squilibrio che fatalmente si ripercuote sul regolare svolgimento dei tornei. Il campanile va bene, è il sale, in fondo, di questa competizione. Ma se deve diventare un elemento condizionante, beh, allora sarebbe meglio una proficua collaborazione tra società a tutto vantaggio di un innalzamento del tasso tecnico».

A cominciare dai settori giovanili, sempre più in difficoltà e a volte in preda all’improvvisazione.
«I settori giovanili hanno bisogno di dirigenti e allenatori competenti e non gente che improvvisa. I tecnici che si impegnano vanno rispettati e ammirati, ma trattare con i giovani è difficile. Sarebbe necessario lasciare che i ragazzi soprattutto nei pulcini e negli esordienti dimostrino il loro estro e le proprie capacità senza avere dei freni tattici . La tattica si insegna dopo, prima bisogna curare la tecnica. Creare delle scuole calcio,  insegnando  ai ragazzi calcio, sì, ma anche educazione e disciplina con allenatori preparati e magari collaborando con squadre di livello superiore; in questo senso mi piace come sta lavorando e come ha impostato il lavoro il Tolmezzo Calcio».


Un commento a “ANGELO SPILUTTINI: «DANNO IL LAUCO GIÀ RETROCESSO? SARÀ UNO STIMOLO IN PIÙ»”

  1. Ferruccio ha scritto:

    Grande Spillo, verrò a vedervi in Porteal ,,, e una birretta!

Lascia un commento



* campi obbligatori


Campionato Amatori Settore Giovanile Terzo Tempo A tutto carnico

Per la tua pubblicità

Ufficio Pubblicità
Telefono: +39 0433 40690
Email: spot@rsn.it

Edizioni precedenti

Radio Studio Nord